E' sempre l'ora...dI dare e ricevere...amicizia!

lunedì, ottobre 16, 2017

EVENTI CULTURALI DI OTTOBRE IN CITTÀ. LA CARTA DE LOGU ARRIVA SUL WEB: VENERDÌ SCORSO LA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO, UNITAMENTE AI PREZIOSI SIGILLI PENDENTI DEL COMUNE DI ORISTANO.



Oristano 16 Ottobre 2017
Cari amici,
L’Amministrazione comunale cittadina ha predisposto un nutrito programma culturale per il mese di Ottobre. Dopo la pausa estiva, il calendario della rassegna “Oristanottobreventi”, ricco e variegato, per Venerdì scorso 13 Ottobre, aveva messo in calendario lo svolgimento del Convegno “Arborensia le fonti storiche di Oristano: tutela e valorizzazione”. L’iniziativa, curata dall’Archivio Storico Comunale e dall’ISTAR, ha avuto inizio alle 17,00 presso l’Auditorium Hospitalis Sancti Antoni, posto tra Via Cagliari e Via S. Antonio.
L’interessante serata, organizzata dall'Assessorato alla Cultura del Comune, dall'Archivio comunale e dall'Istar, si è aperta con i saluti del Sindaco della città Andrea Lutzu, dell’assessore alla cultura Massimiliano Sanna, dell’Arcivescovo di Oristano Mons. Ignazio Sanna, della soprintendente archivistico per la Sardegna Dr.ssa Sabrina Mingarelli e del responsabile del servizio archivistico comunale Dr.ssa Antonella Casula.
Successivamente si è aperto ufficialmente in convegno, coordinato da Antonella Casula e da Giampaolo Mele, direttore dell’ISTAR. La prima relazione è stata quella del Prof. Luca Becchetti, dell’archivio segreto Vaticano, dal titolo “Testimonianze sigillografiche dell’Archivio Storico del comune di Oristano: restauro e studio”; a seguire l’intervento del Dr. Alberto Torra Perez, dell’archivio della Corona d’Aragona di Barcellona, con una relazione dal titolo “L’ACA di Barcellona e l’ISTAR: nuove prospettive di collaborazione”. Dopo le due interessanti relazioni, Sergio Bellini, di Mida Informatica, ha messo in evidenza le nuove possibilità offerte dalla digitalizzazione informatica, con una relazione su “Digitalizzazione dell’Archivio Storico: strumenti e soluzioni adottate dal Comune di Oristano”.
Sergio Bellini, titolare della società Mida Informatica, ha illustrato nei dettagli le nuove tecniche e gli strumenti utilizzati per rendere fruibile, la consultazione delle antiche carte dell’Archivio civico di Oristano, mentre Giampaolo Mele, direttore scientifico dell’Istar, ha affrontato il tema: “Chi ha paura di Eleonora d’Arborea? Sa Juighissa nel web”. Mele, durante la sua relazione, ha reso noto un fatto importante: La Carta de Logu sarà presto online, accessibile a tutti grazie alla rete. Per far conoscere ai presenti le modalità di accesso, ha proposto un’anteprima del sito web relativo, che verrà acceso ufficialmente il 31 Ottobre, con la messa in rete della Carta de Logu e di numerose altre fonti storiche.
Mele, evidenziando gli stretti rapporti di collaborazione fra l’Istar e l’Archivio storico comunale, ha detto che quella presentata è una delle ultime iniziative culturali portate avanti dall'Istar - Istituto per la ricerca sul Giudicato d'Arborea. Sempre nel corso della serata sono stati presentati al pubblico gli unici due esemplari di sigillo pendente, (restaurati di recente), custoditi nell'Archivio storico del Comune di Oristano. In particolare, un sigillo riguarda un atto di Carlo V, emanato a Saragozza nel 1518, con il quale si confermano ad Oristano tutti i privilegi già riconosciuti dai precedenti sovrani.
La tutela e la valorizzazione dei due preziosi sigilli, hanno detto gli amministratori, rappresentano il punto di arrivo del percorso intrapreso con l’intervento di restauro, finanziato dalla direzione della Fondazione di Sardegna. Grazie a questo intervento, i sigilli sono stati restituiti nella loro piena forma estetica al pubblico e alla comunità scientifica che, d’ora in poi, può farvi riferimento, nell’ambito delle ricerche storiche oltre che specialistiche.
"L'appuntamento, realizzato con il contributo del Ministero per i beni e le attività culturali, sancisce e rafforza la collaborazione tra due Istituzioni civiche che si occupano delle fonti per la storia oristanese, dal Medioevo fino ai giorni nostri: Archivio storico comunale e Istar" hanno spiegato il Sindaco Andrea Lutzu e l'Assessore alla Cultura Massimiliano Sanna. “Questa sinergia concretizza un percorso di tutela e valorizzazione delle fonti per la storia – ha aggiunto l’Assessore Sanna - Non solo, dunque, i pregevoli documenti dell’Archivio comunale, ma anche quelli custoditi dall’Archivio della Corona d’Aragona, depositario di numerosissime fonti che, per particolari vicende storiche, caratterizzano in maniera significativa la storia cittadina”.
Cari amici, quelle evidenziate sono iniziative culturali di alto spessore, che danno corpo alla giusta valorizzazione e conservazione del nostro patrimonio storico; operazione necessaria, in particolare per le nuove generazioni, che possono venire a conoscenza della reale e concreta importanza rivestita dalla Oristano del passato, capitale giudicale. Un patrimonio che non solo va gelosamente conservato ma divulgato, portato a conoscenza delle generazioni future. La strada tracciata è sicuramente quella giusta.
Grazie amici, a domani.
Mario


domenica, ottobre 15, 2017

ALESSIA USAI: UNA DELLE NOSTRE “MIGRANTI IN TERRA STRANIERA” CON LA POESIA NEL CUORE. PRESENTATO AL DRIM CAFE’ UN SUO TOCCANTE LIBRO DI POESIE.



Oristano 15 Ottobre 2017
Cari amici,
L’altra sera, quella di Giovedì 12 Ottobre, ho accettato l’invito a partecipare alla presentazione di un bel libro di poesie. Invito ricevuto da Agostino Cadoni, amico da sempre, figlio del nostro grande centenario Dottor Antonio Cadoni, arrivato felicemente ed in buona salute alla rispettabile età di 105 anni. L’autrice, Alessia Usai, mi era poco nota, anche se figlia di persone da me conosciute e stimate. Il titolo dell’opera presentata era “Siamo in viaggio – Poesie” (edito da E.P.D.O. Via Bellini, Oristano).
I poeti, amici miei, sono esseri speciali. La poesia è un dono particolare, che hai dentro a volte senza rendertene perfettamente conto, perché scrivere poesie è qualcosa di diverso dal semplice scrivere i nostri pensieri su un foglio di carta bianca, cercando di rappresentare un vissuto, un fatto o un avvenimento più o meno importante. Poeti si nasce! Perché se è vero che le parole sono “il materiale da costruzione” con cui raccontare i nostri pensieri, quello di farlo in modo poetico non è da tutti.  Alessia Usai, per esempio, giovane poeta oristanese, non è diventata “poetessa per caso”, ma è nata con questo dono speciale.
Alessia, nata a Oristano nel 1979, le poesie ha iniziato a scriverle fin da bambina. Sognatrice (i poeti sono sempre anche dei sognatori), non è rimasta a vivere la sua vita nella placida e sonnacchiosa Oristano, ma da giovanissima ha iniziato a girare il mondo; ha vissuto e studiato a Firenze, poi a Roma e a Londra e anche oggi non calpesta quotidianamente il suolo sardo, ne tantomeno quello della ‘sua’ Oristano, in quanto abita e vive a Malta.
Questo suo continuo peregrinare per il mondo, se da un lato l’ha allontanata dalla sua Sardegna, dall’altro le ha consentito di conoscere e confrontarsi con altre culture, di fare dei paragoni fra noi sardi e gli altri; l’ha stimolata ad amare anche altri popoli, senza rinnegare però le sue origini, senza gettare alle ortiche la sua sardità. Alessia ha viaggiato molto, ma rimanendo sempre legata alla sua terra: sempre con la Sardegna nel cuore. Il fascino dei luoghi tanto diversi che ha visitato l’hanno comunque stregata, a tal punto da volerli raccontare con passione nelle sue poesie. Al ritorno da un viaggio in Tanzania, per esempio, la sua sensibilità verso i problemi sociali è cresciuta a dismisura: ora partecipa con impegno a progetti di solidarietà verso i tanti migranti in viaggio verso l'Europa.
Man mano che le sue esperienze crescevano, anche il suo bisogno di esprimersi poeticamente aumentava; in ogni momento libero Alessia ha cercato di fissare sulla carta le sue emozioni, il bisogno di raccontarle, e questo le ha consentito di scrivere, seppure ad intervalli, meravigliosi brani poetici raccolti ora nel libro che ha per titolo “Siamo in viaggio – Poesie”. Sono brani lirici che escono dal cuore, spesso brevi ma efficaci, come l’apparire di un arcobaleno all’improvviso; sono pensieri struggenti, anche se di grande semplicità, rivolti alle persone care, alla sua terra, agli affetti, all’amore per la natura, al tempo che scorre inesorabile.
Il libro presentato l’altro giorno è la sua prima raccolta di poesie, scritte in parte in italiano ed in parte in inglese, ormai la sua seconda lingua. Leggendole con grande attenzione possiamo ripercorrere mentalmente il suo viaggio: il distacco dagli affetti, il percorso articolato sulle nuove strade poste aldilà del mare, il contatto con città lontane e i sentieri nuovi, che lei ha voluto scoprire. Un viaggio, il suo, pieno di emozioni forti, quelle che lasciano solchi profondi dentro l’anima. Un viaggio impegnativo e faticoso, fatto di giornate trascorse tra i bagliori di un sole luminoso ma anche vissuta infreddolita e bagnata dalla pioggia scesa da cieli plumbei e nuvole gonfie di piaggia. Il suo viaggio è un continuo immergersi in una infinità di colori, suoni gioiosi e anche tristi, pregni di gioia ma anche di grande dolore.
Agostino Cadoni nella sua lunga e meditata presentazione, dopo aver analizzato le mille sfaccettature della poesia di Alessia e aver commentato i suoi versi di grande lirismo, considerando la sua forza espressiva vera e autentica, le ha voluto dedicare il suo apprezzamento chiudendo la presentazione con le parole che Eugenio Montale pronunciò a Firenze nel 1965, durante la celebrazione del settimo centenario della nascita di Dante. Eccole.
Che la vera, autentica poesia abbia sempre il carattere d’un dono e che, pertanto, essa presupponga la dignità di chi la riceve, è questo, forse, il più grande insegnamento che Dante ci abbia lasciato”.
Si, perchè Agostino, lo ha detto chiaramente l'altra sera, “Alessia Usai ci ha lasciato questo dono”.
Al termine della bella serata, nel fare i complimenti ad Alessia le ho chiesto di porre fine al viaggio, di “tornare” a casa, nella "sua" Isola: perché la Sardegna ha tanto bisogno di persone valide, dolci e sensibili come Lei; di persone che la amino oltre misura, che cantino le sue bellezze con l’innata capacità poetica come la sua, quella che Lei ha da sempre nel suo DNA.
Auguri per tutto, Alessia, "ad majora"!
Grazie, amici, a domani.
Mario